Alle elezioni con le nostre facce

L’appello di Noi Giovani alle altre realtà giovanili e a Giorgio Napolitano, per il “Partito dei Giovani” e contro l’innalzamento delle soglie di sbarramento (trascrizione del discorso tenuto da Carmelo Dragotta al congresso degli Outsider, sabato 13 Ottobre 2012).

Buonasera a tutti,
mi chiamo Carmelo Dragotta e oggi sono qui in rappresentanza di Noi Giovani, un movimento nato da pochi mesi, che sta elaborando proposte concrete con un focus su lavoro, diritti e innovazione, con un approccio orizzontale, aperto e collaborativo. In proposito vi invito a collaborare iscrivendovi al nostro gruppo Facebook per dare il vostro contributo.
Lavorando al programma siamo giunti alla conclusione che la condizione di totale precarietà dei giovani – non solo dal punto di vista lavorativo – derivi innanzitutto dalla mancanza di una loro partecipazione attiva alla vita politica e dalla loro scarsissima rappresentanza ad ogni livello istituzionale.
Per troppi anni noi giovani abbiamo delegato la rappresentanza dei nostri interessi a politici e governanti incapaci di interpretarli e di difenderli.
Proprio per questo, fin da subito a differenza di altri, non abbiamo avuto paura di tenerci lontani dalle realtà politiche già esistenti e legate a vecchie ideologie e abbiamo deciso di dare a Noi Giovani, fin dal suo concepimento, un orizzonte elettorale. Sappiamo che l’obiettivo di essere presenti alle elezioni non è solo ambizioso, ma può apparire anche velleitario; non ci nascondiamo le difficoltà sul fronte organizzativo e burocratico né su quello prettamente politico né su quello dei mezzi con cui affrontare la campagna elettorale, ma siamo convinti che oggi sia necessario per i giovani trovare il coraggio di portare avanti un’azione chiara e anche lucidamente folle, che li porti a impegnarsi in prima persona in maniera diretta e chiaramente riconoscibile per gli elettori.
E’ ora che noi giovani la smettiamo di fare i portatori d’acqua ai mulini altrui e ci affranchiamo da padri nobili e padrini.
Dobbiamo trovare il coraggio di dire che siamo diversi, che siamo onesti, che siamo preparati, che non abbiamo complessi di inferiorità nei confronti di nessuno anche perché in effetti non siamo inferiori a nessuno. Anzi.
Noi giovani dobbiamo andare in mezzo alla gente a prendere i voti che la gente non vuole più dare non alla politica, ma ai vecchi politici e anche ai politici vecchi.
Siamo convinti che sia ora che tutti i movimenti, le associazioni, i centri di ricerca, i think tank e le lobby giovanili, a prescindere dalle divisioni ideologiche, la smettano di dibattere al proprio interno sulle soluzioni ai problemi della nostra generazione solo per svenderle ai “potenti” di turno che alla fine, come sempre, presenteranno alle elezioni liste formate per il 99% da candidati sopra i 40 anni.
Oggi, in Italia, noi giovani abbiamo la grande opportunità di presentarci alle elezioni con le nostre facce, con le nostre competenze e con la nostra energia e siamo certi che in tanti stiano aspettando proprio questo per tornare a votare con fiducia per qualcuno.
Per questo oggi siamo venuti qui a proporre a Zero Positivo, agli Outsider, a Rena, a Italiacamp e a tutte le realtà giovanili di unire le nostre forze e di cominciare a lavorare a un progetto davvero ambizioso, quello di dare agli italiani la possibilità di scegliere i giovani sulla scheda elettorale.
Ovviamente non vogliamo mettere in piedi un progetto suicida.
Ci rendiamo conto che in ogni caso la “lista dei giovani” non potrà presentarsi da sola alle elezioni, pena il fallimento. Sappiamo che sarà necessario stringere delle alleanze. Ma proprio perché il quadro politico è ancora estremamente fluido e proprio perché le prossime elezioni rappresentano per noi giovani una occasione di portata storica che non possiamo permetterci di perdere, siamo convinti che sia necessario abbandonare da subito ogni indugio e mettersi a lavorare insieme, come Zero Positivo e Outsider hanno già fatto nell’organizzazione di questo evento.
La prima azione da fare in questo senso è un’azione mediatica che smascheri tutte le ambiguità della riforma elettorale in discussione. E’ una bozza che gli attuali partiti sono d’accordo nell’approvare solo per spirito di autoconservazione. La cosa più evidente per chi si sta impegnando in questi mesi per presentare una proposta politica alternativa è l’innalzamento della soglia di sbarramento. E’ palese che solo chi abbia già un leader dotato di grande visibilità sul piano nazionale potrà ambire a superare le nuove soglie. Ed è proprio questo che gli attuali partiti vogliono: restringere all’osso le possibilità che le realtà fuori dal coro come le nostre entrino in campo direttamente.
Dobbiamo quindi mobilitarci insieme per una prima importante battaglia, quella contro le soglie di sbarramento della nuova legge elettorale che precluderebbero ai giovani l’accesso diretto alle istituzioni, di cui non solo i giovani ma tutto il Paese ha bisogno. Già venerdì Giorgio Napolitano è intervenuto per fissare alcuni paletti sulla bozza in discussione al Senato. Crediamo che sarebbe opportuno rivolgerci a lui, a un grande vecchio della storia d’Italia, per chiedergli di farsi garante della nostra possibilità di essere protagonisti. Vogliamo avere anche noi l’opportunità di ricostruire l’Italia come loro hanno fatto dopo la guerra.
Vorrei lasciarvi a questo punto con una frase che, al di là della storia politica di chi l’ha pronunciata, Enrico Berlinguer, oggi più che mai dev’essere per noi fonte di ispirazione: “La prima, essenziale, semplice verità che va ricordata a tutti i giovani è che se la politica non la faranno loro, essa rimarrà appannaggio degli altri, mentre sono loro, i giovani, che hanno l’interesse fondamentale a costruire il proprio futuro e innanzitutto a garantire che un futuro vi sia”.
Grazie.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...